Featured Post

Traffico, come portare potenziali clienti sul tuo sito

In realtà i modi per portare traffico qualificato (potenziali clienti realmente interessati ai tuoi servizi) sul tuo sito sono diversi, quindi l’OTTIMIZZAZIONE sui motori di ricerca in modo che il sito raggiunga posizionamenti nei risultati naturali. Se hai scelto la web agency giusta come ti...

Read More

Nuovi trend immobiliari: la casa ora si acquista tra amici

Posted by idealista | Posted in Mercato Immobiliare, Portali Immobiliari | Posted on 21-09-2009

Tags: , , , , ,

0

Prezzi delle case in calo, ma comunque ancora elevati, e canoni di affitto alle stelle. Per chi vuole o deve vivere in città, la condivisione rimane l’unica alternativa possibile.

Il fenomeno non riguarda più soltanto studenti: sempre più spesso persone al primo impiego o il cui reddito non consente di sostenere affitti troppo alti si trovano a dover ricorrere a questa scelta. L’indagine di idealista.it sugli affitti in condivisione conferma la tendenza: 26 anni l’età media dei “conviventi” milanesi, 25 anni per chi divide casa nella capitale.

Una soluzione che non può neppure essere definita a buon mercato: sempre secondo l’indagine di idealista.it,
affittare una stanza nel capoluogo lombardo costa in media 446 euro/mese, contro i 434 euro/mese necessari per condividere casa a roma.

In Inghilterra, dove il fenomeno è già molto diffuso, esistono diversi portali dedicati a chi cerca/offre casa in
condivisione. A volte questi siti si presentano in modo davvero originale: è il caso di flatnightfever.co.uk, social network dedicato a chi – per scelta o (quasi sempre) per necessità – deve condivide lo spazio abitativo con altri nella “forbidding London”. La società organizza anche degli incontri settimanali per fare conoscere gli iscritti al sito che possono così procedere a una prima selezione.

Per evitare convivenze infelici e problematiche, per chi cerca casa è infatti importante poter definire da subito come dovrebbe essere il futuro coinquilino. Secondo gli utenti di idealista.it il compagno/a di appartamento ideale non deve possedere animali domestici (77%), poche preclusioni per i fumatori (si dice indifferente il 69,5% degli iscritti al sito), mentre per quanto riguarda il sesso del coinquilino, si tende a preferire quello di sesso opposto (50,5%).

Oltre ai siti interamente dedicati ai “co-letters” – i coinquilini – dal Regno Unito arriva una nuova tendenza che è quella dei siti web dedicati al “co-buying”, cioè la condivisione dell’acquisto di un immobile, dove gli utenti possono trovare i loro partner ideali per l’acquisto condiviso, una sorta di joint venture per la casa.

co-buywithme.co.uk è interamente dedicato all’attività del co-buying;
ukpropertyclub.co.uk, si rivolge invece a tre tipi di utenza: “co-acquirenti”, “co-investitori” e coinquilini
propertyfriends.co.uk è pensato soprattutto per coloro che affrontano per la prima volta l’acquisto della casa – i cosiddetti “first-time buyers” – e decidono di farlo in condivisione

E per il mutuo? C’è sharetobuy.co.uk, sito che ricerca mutui specifici per chi sta acquistando casa insieme ad amici, membri della famiglia o associazioni di individui.

Comments are closed.