Featured Post

Collaborazione, Disintermediazione e Professionalità. Ne parla Giggi

Oggi Immobiliaristi.com intervista Giggi Bendetti, Home Hunter e titolare dell’agenzia immobiliare Desiderata Domus. Domande e Risposte su temi caldi come la collaborazione, la disintermediazione crescente, l’etica e Professionalità degli agenti immobiliari odierni. LEGGI l’intervista...

Read More

Compri casa per la prima volta? Gli 8 consigli di idealista.it

Posted by idealista | Posted in Portali Immobiliari | Posted on 15-10-2009

Tags: , , , , , , , , , ,

1

Comprare casa non è semplice e chi sta cercando lo sa bene. Si tratta di una scelta importante, che in quanto tale richiede le giuste dosi di impegno, pazienza e attenzione.

Chi cerca casa deve muoversi con cautela, valutare bene tutte le opportunità e poi agire. Se questo consiglio è valido per chi ha già sperimentato compravendite immobiliari e quindi ha un minimo di dimestichezza con la materia, a maggior ragione lo è per chi si trova a comprare casa per la prima volta.

L’ufficio studi di idealista.it ha pensato di rendere il tuo compito più semplice con 8 preziosi consigli per i first-time buyers.

1. Inizia dai fondamentali
Se compri casa per la prima volta, ricorda una regola basilare: fatti i conti in tasca, definisci quanto sei disposto a spendere e restringi la ricerca agli immobili con un prezzo prossimo al tuo budget.

Una volta che individuata l’abitazione che ti interessa, compara il prezzo e le caratteristiche con immobili simili in vendita nello stesso quartiere. Su idealista.it, ad esempio, puoi entrare nel dettaglio delle caratteristiche (metri quadrati, numero di locali, piano, stato dell’immobile e altre indicazioni utili) e comparare i prezzi grazie all’ indicatore del prezzo al metro quadro, un’esclusiva del portale.

In questo modo potrai avere un’idea precisa del valore di mercato dell’immobile e da qui orientarti al meglio per avanzare un’offerta. Considera che in un momento di crisi del mercato immobiliare come quello attuale, per chi
compra casa ci sono maggiori possibilità di spuntare uno sconto sul prezzo di partenza.

2. La scelta del mutuo: il fisso è più sicuro
Con i tassi di interesse ai minimi storici, i prodotti a tasso variabile risultano appetibili anche per i giovani che acquistano casa per la prima volta. Ma attenzione, perché sicuramente gli indici torneranno a salire e la rata mensile aumenterà di conseguenza.

Soprattutto se sei molto giovane, hai pochi risparmi da parte e non puoi contare su uno stipendio alto, ti consigliamo un mutuo a tasso fisso, almeno eviterai le incertezze e i timori legati a una rata “ballerina” e potrai tenere sotto controllo il pagamento mensile.

Ultimo consiglio: la rata del mutuo non dovrebbe superare un terzo delle tue entrate mensili.

3. Valuta le tue entrate
Vogliamo metterti in guardia soprattutto dal rischio della sopravalutazione: può darsi che ora guadagni abbastanza da poterti permettere una casa di un certo livello, ma lo cose cambiano.

Con il tempo, potresti incrementare i tuoi risparmi e allora non si pone il problema; ma potrebbe anche accadere il
contrario, cioè che il tuo reddito mensile cominci a perdere valore.

Ti consigliamo quindi di fare una previsione di massima di come potrebbero evolversi le tue entrate mensili nel corso degli anni, tenendo conto degli imprevisti.

4. Occhio agli imprevisti
Le previsioni che dovrai fare non riguardano solo l’evoluzione del reddito mensile, ma anche la tua vita privata.

Se compri casa insieme alla tua dolce metà, la decisione di avere dei figli può incidere molto sulle capacità di spesa della famiglia: non solo per i costi che un figlio comporta, ma anche perché uno dei due potrebbe decidere di abbandonare il lavoro per dedicarsi a casa e prole.

Può esserti di aiuto ipotizzare tre diversi scenari e di incrociare ogni situazione alle migliori offerte di mutuo che trovate sul mercato:

•    avete un figlio, un mutuo sulle spalle e lavorate entrambi full-time
•    avete un figlio, un mutuo da pagare, uno dei due lavora full-time mentre l’altro è passato a un part-time
•    avete un figlio, una mutuo da pagare, uno dei due lavora full-time mentre l’altro ha deciso di fermarsi qualche anno dal lavoro. In questo caso, quindi, vi trovereste a vivere con un solo stipendio

Questo esercizio può essere utile anche per quelle coppie che non desiderano figli, perché bisogna essere pronti a
fronteggiare qualsiasi eventualità: la perdita del lavoro, un periodo prolungato di disoccupazione, un’attività che non va bene, la necessità di cambiare lavoro. Insomma, l’ideale è prendere in considerazione tutti quegli imprevisti che potrebbero incidere sul reddito della famiglia.

5. Programma le spese
Spesso chi compra casa si dimentica di considerare i costi di manutenzione ad essa associati, costi tutt’altro che secondari.

Soprattutto se acquisti una casa di seconda mano, è probabile che dovrai effettuare alcuni lavoretti. Prima di comprare, cerca quindi di farti fare un preventivo per avere un’idea di quanto andrai a spendere.

Considera però che in italia molti interventi di manutenzione e ristrutturazione edilizia sono soggetti a regime fiscale agevolato – detrazione irpef del 36%.

6. Compri casa? Non farti prendere dalla fretta
Per chi si trova alle prese con l’acquisto della prima casa, Michael Kalscheur, consulente finanziario di Indianapolis, suggerisce due strade: comprare la casa dei sogni (se ci sono le condizioni economiche per farlo), oppure iniziare con una casa economica, evitando le vie di mezzo.

Un’ipotesi condivisibile dal momento che  acquistando una casa più economica, il mutuo sarà più basso e tu potrai
divenire proprietario di un immobile con meno patemi.

Consideralo un primo passo per approdare alla casa dei tuoi sogni, la quale arriverà appena i tempi saranno maturi.

7. La politica dei piccoli passi paga sempre
Se dovessi decidere di vendere la tua prima casa, considera tutte le spese che dovrai affrontare per vendere, acquistare e traslocare una seconda volta.

Se le entrate sono stabili e i risparmi lo permettono, meglio investire per migliorare la casa che hai già piuttosto che aprire un nuovo mutuo per acquistarne un’altra.

8. La regola delle otto ore
Ovviamente è difficile rispettare tutti questi consigli e potrebbe anche capitare che nessuno sia valido per la tua situazione.

In questi casi, puoi ripiegare sulla regola delle otto ore: qualsiasi sia il tuo mutuo, devi essere in grado di dormire sonni tranquilli. se l’idea di aprire un mutuo ti spaventa, è ovvio che (a) non è ancora giunto il momento di comprare o (b) non è il mutuo che fa per te.

Testo liberamente ispirato all’articolo “Seven new rules for the first-time home buyer”, New York Times

Leave a Reply