Featured Post

AIRday, l’evento di informazione e formazione immobiliare di Air

Il 28 gennaio a Roma, si terrà l’evento AIRday, presso il Best Western Hotel Royal Santina, in via Marsala n. 22 (nei pressi della Stazione Termini) L’AIR day è un occasione di incontro e di informazione e formazione di alto livello, nello spirito dell’Associazione AIR Italia (Associazione...

Read More

Quanto Costa un Portale Immobiliare per una Agenzia?

Posted by gcapone | Posted in Portali Immobiliari, Web Marketing Immobiliare | Posted on 30-11-2010

2

Sito web agenzia immobiliare

Hai mai analizzato con attenzione quanto ti costa un portale immobiliare?

Una delle affermazioni più di moda in questo periodo presso le agenzie immobiliari è la seguente”io ho abbandonato il cartaceo e punto tutto su internet”.

Benissimo, è un’evoluzione naturale alla quale tutti ci si devono preparare, perché le statistiche ogni anno sono sempre più impietose verso il cartaceo. I dati sono molto diversi da zona a zona, spesso mi sento dire che il cartaceo è diventato uno strumento per acquisire il mandato più che per vendere: “Dico al proprietario dell’immobile: vedi? Io sul giornale …bip… ho un’intera pagina dove verrà presentato il tuo immobile 2 volte al mese”

Quindi? Prepariamoci al cambiamento e proviamo a capire la percezione del mondo dei portali immobiliari.
Cosa si scopre?
Che internet è fantastico, con un solo click (se ho un gestionale immobiliare) posso pubblicare i miei annunci su oltre 50 (a volte 60 o 70 portali) e “non mi costa nulla!”

Cosa significa “non mi costa nulla?”
Alcuni portali hanno un canone annuo, ma la maggior parte sono gratuiti. Quindi con un budget di 2/3 mila euro annui si aumenta la diffusione delle proprie proposte.
3 o 4 portali a pagamento e per il resto si utilizzano solo portali gratuiti.
Quindi il costo percepito per un’agenzia è di circa 3 mila euro per le agenzie più smaliziate. L’abbonamento ad una sola testata editoriale cartacea può costare anche 400€ al mese!
E’ un ottimo affare!

E invece sembra che la situazione non sia proprio questa.
Molte agenzie avevano cominciato a percepire che la situazione non fosse proprio così già un paio di anni fa. Oggi, complice la “crisi” molte agenzie hanno scoperto un’altra realtà. E’ la classica storia: quando si è in periodo di “vacche grasse” la manica è larga, ma nei momenti duri si pone l’attenzione sui costi. Ed ecco che molti hanno rispolverato alcuni acronimi, quello più di moda ultimamente è ROI (Return of Investment): l’indice per valutare il ritorno dell’investimento.

Il passo naturale è quindi applicare il concetto del ROI al “costo x contatto

Cosa si scopre?
I portali immobiliari costano: il canone annuo + un annualità lorda di uno stipendio medio!!!

La maggior parte delle richieste ricevute sono “generiche”, di tali richieste c’è chi con vanto afferma di riceverne 50 al giorno. Quanto costa gestirle?

Citiamo solo alcune voci di costo oltre i canoni di abbonamento:

  • Tempo di gestione di un’e-mail (spesso viene stampata, poggiata su una scrivania, incrociata con il gestionale, si contatta il richiedente mediamente dopo 2 settimane, il contatto è perso! C’è chi manda tempestivamente un’e-mail ma spesso il contatto è perso lo stesso)
  • Quando il primo contatto va a buon fine, ci sono i costi per gestirlo (ma questi sono accettabili, rientrano nel core dell’attività)
  • Costi telefonici per il contatto: molti inviano l’e-mail, ma come per l’agenzia il contatto migliore è quello telefonico per molte agenzie l’approccio migliore è telefonarli. Si devono chiamare 50 persone in 2 giorni!
  • Gestione, aggiornamento e manutenzione degli annunci sul portale

Mancano delle voci, la più importante dovrebbe essere: costi per l’analisi dei risultati. Non tutti sono abituati a fare le analisi dei risultati. “La maggior parte dei portali sono gratuiti, quindi non mi interessa sapere da dove arrivano, è gratis”

E fin qui abbiamo parlato SOLO dei costi amministrativi, ma accenniamo anche qualcosa sui “costi di immagine”:
lo SPAM indiscriminato su centinaia di portali abbassa la qualità degli annunci in quanto si perde il controllo.

Ricevete contatti per annunci scaduti (anche da anni) e oltre al costo di gestione come descritto sopra, si deve rispondere a molti contatti che tal proposta non è più disponibile. Quanti sono gli utenti del web che pensano che gli annunci siano finti e messi lì solo come specchietto per le allodole? Che reputazione vi fate sul mercato?

Molti portali non cancellano gli annunci perché:

  • Sono gratuiti! Quindi non è dovuto. Fare manutenzione a un database è un’attività costosa.
  • Maggiore è il numero di annunci, migliore sarà il portale! Facile no?

Dopo tali considerazioni, è possibile affermare che i portali gratuiti “non costano”?
E’ giusto affermare che la qualità di un portale vada in funzione dei KiloBite ricevuti via e-mail?

E allora? Cosa si può fare?
E’ necessario accelerare il cambiamento culturale. I primi che acquisiranno le nuove regole del gioco che i nuovi paradgmi della “rete” impongono godranno di un vantaggio competitivo di lungo periodo.
E’ necessario capire che internet non è una “vetrina”, ma un gestore di processi e va gestito come tale per ottimizzare l’attività dell’agenzia. Non dimentichiamo che un Agente Immobiliare è soprattutto un imprenditore!
Internet non va usato per rincorrere i clienti, questo lo faceva già il fax ed il telefono, ma per farti trovare da loro.

Il 14 Dicembre a ROMA, Francesco Bersani e Salvatore Coddetta terranno un corso di Web Marketing Immobiliare al quale darò il mio contributo su queste tematiche ed avrete risposte concrete.
Potresti scoprire come risparmiare molti costi ed aumentarne il ritorno economico di quelli spesi.
Insomma: aumentare il ROI.

Se vuoi saperne di più visita la pagina dove puoi scaricare gratuitamente il Programma del Corso.
Guarda la pagina: www.justimmobili.it/roma/webmarketing.htm

Gianluca Capone
Livello Casa

The following two tabs change content below.

Latest posts by gcapone (see all)

Leave a Reply