Featured Post

Asta immobiliare in crescita.

Cresce il mercato italiano degli immobili all’asta e lo fa per vari motivi. Da un lato c’è la crisi che continua a far sentire i suoi effetti su famiglie e imprese, con una miriade di fallimenti e pignoramenti che han fatto che si aumentasse in maniera esponenziale il numero di immobili messi all’asta. Il...

Read More

L’IMPORTANZA DEL CARTELLO DI VENDITA NELLO STABILE – Parte 1

Posted by Max Zoccarato | Posted in Agenzie Immobiliari, Marketing Immobiliare, Pubblicità Immobiliare | Posted on 10-10-2011

Tags: , , , , ,

0

vendIl cartello di vendita presso lo stabile nel mondo di internet è ancora un buon investimento pubblicitario?

Chi ha cercato casa come il sotto scritto, ha già una risposta a questa domanda e ovviamente e si.

 

I clienti come me, che utilizzano regolarmente internet, non si affidano solo alla rete cercare casa, ma una volta identificata la zona di interesse, si affronta il problema di verificare che lo stabile dove ci viene proposto in vendita l’abitazione non sia fatiscente.

 

Da qui l’importanza di poter identificare prima di fissare un appuntamento per vedere internamente la casa, la visita presso la zona per vedere lo stabile con i nostri occhi, perché può capitare che l’appartamento dei nostri sogni si trovi in uno stabile non altrettanto attraente.

 

Il cartello nello stabile è la prima cosa che permette all’immobiliare di essere notata sulla vendita di una casa in un certo stabile, eppure spesso questo fattore spesso non viene preso in considerazione. Il classico cartello è composto dal logo agenzia in grande e un misero testo con scritto: “vendesi qui” o vendesi due locali”…  e nulla che descriva la casa, un disegno, prezzo o altre indicazioni.

 

I cartelli tutti uguali, si perdono gli uni vicino agli altri, basti pensare ad un portone dove vi sono più cartelli, che sia di vendita o affitto, testi e dimensioni sono i medesimi. L’agenzia immobiliare A non si differenzia dalla B. Nessuna personalizzazione che renda a colpo d’occhio riconoscibile l’Agenzia o che possa dare un idea su come lavori.

 

Un cartello pubblicitario (perché questo è il cartello di vendita presso lo stabile) dovrebbe colpire il passante, attirare l’attenzione non solo di chi cerca casa in quello stabile, ma di chiunque passi. Come cliente, mi interessa poco il nome dell’Agenzia Immobiliare, mi interessa in primo luogo, l’appartamento. Ma già delle informazioni che ricevo posso avere un idea sul metodo di lavoro che utilizza un Agenzia, se pur vero che il solo cartello non è garanzia di professionalità, la cura con cui vengono date le informazioni e la precisione delle stesse può essere un indizio su come lavora l’Immobiliare.

 

Tra un cartello di una Agenzia Immobiliare e un cartello di vendesi generico, non c’è molta differenza e spesso passano inosservati a chi passeggia o transita in auto davanti allo stabile.

 

L’errore più comune è quello di pensare che basti fare un cartello uguale per ogni alloggio in vendita, che basti il colore a differenziare una Agenzia dall’altra. Ma se ci si ferma un momento ad osservare i vari cartelli Immobiliari, ci si rende conto che i colori sono sempre gli stessi, di conseguenza il solo colore non è sufficiente per identificare un Agenzia Immobiliare.

 

Per essere sicuri di catturare l’attenzione di chi passa o di chi sta cercando casa , il cartello di vendita deve essere non solo ben visibile ma deve anche restare impresso nella memoria, avvolte bastano pochi particolari differenziarsi da tutti gli altri cartelli.

Fra qualche giorno sarà pubblicata la Seconda Parte dell’articolo. Continua a seguirci ;)

 

Massimiliano Zoccarato

Grafico Pubblicitario Freelance

 

The following two tabs change content below.

Max Zoccarato

Grafico Freelance
Grafico Freelance, diplomato allo Istituto Europeo di Design nel '91. Esperienza in vari settori del mondo della grafica; dalla progettazione restyling di logo, all' advertising. Dal below the line, above the line, al brand, passando dalla progettazione espositori, prgettazione stand, alla pubblicità immobiliare. Tra le esperienze più significative della mia carriera lavorativa, vi è il CONVEGNO NAZIONALE DELLA FIAIP DEL '94 di Milano, della quale vi è stato lo studio e realizzazione della campagna pubblicitaria (striscioni, volantini ecc.) e tutto quello che si rendeva necessario per la pubblicità del congresso, attualmente tra le collaborazioni vi sono anche quelle con l'Immobiliare Abitare oggi tra i diversi lavori restyling del sito web, e la grafica per manifestazioni varie (fiera, espositori da banco, monolite pubblicitario).

Leave a Reply