Featured Post

L’IMPORTANZA DEL CARTELLO DI VENDITA NELLO STABILE Parte 2

Ma come dovrebbe essere un buon cartello di vendita? Come grafico ho delle idee ben precise di come deve essere per poter ottenere il risultato desiderato. Come cliente… anche.   Spesso si sottovaluta quanto il cartello di vendita possa essere utilizzato non solo per la vendita dell’appartamento...

Read More

L’importanza del mediatore nella trattativa immobiliare

Posted by Stefano Tronca | Posted in Mediatore Immobiliare, Trattative Immobiliari | Posted on 17-11-2014

2

credits: gratisography.com

credits: gratisography.com

Personalmente ritengo molto importante il ruolo del mediatore nella trattativa. È assai raro, infatti, che un acquirente sia disposto ad accettare qualsiasi condizione imposta dal venditore senza battere ciglio. Che sia per necessità o per volontà, anche l’acquirente vuole dettare le proprie regole e quindi se non c’è un “arbitro” che media tra le parti, si rischia di vedere saltare la trattativa anche per un inezia.

L’arbitro in una trattativa immobiliare non è altro che l’Agente Immobiliare; arbitro perché nel suo ruolo, deve essere necessariamente imparziale.

Forse il bello del nostro lavoro è proprio questo…concludere l’affare sapendo di aver risolto tutti i disaccordi tra le parti!

Primo tema su tutti è

l’aspetto economico. Un vero MATCH tra il venditore, che vuole portare a casa più soldi possibili e l’acquirente che non vuole tirare fuori il portafoglio. Non sempre, però sono i soldi ad essere l’oggetto della trattativa, in quanto sono molte le variabili che intercorrono.

Affinché si possa concludere positivamente una trattativa immobiliare è fondamentale conoscerle, affrontarle e risolverle.  Questo per evitare brutte sorprese proprio come nel detto “arrossire prima è meglio che impallidire dopo”. :)

Una volta affrontato l’aspetto economico, infatti, ci sono i tempi di consegna, l’eventuale arredo, la data per l’atto di rogito, ecc… . Può capitare anche di dover mettere d’accordo più parti, negli atti a catena ovvero negli atti dove il venditore è anche acquirente di un altro immobile.

Aldilà di tutto, però nella mia esperienza lavorativa, ho visto che in tutte le trattative che ho portato a termine, c’era un filo conduttore comune: la volontà delle parti. Ebbene sì…quando le parti sono veramente convinte, c’è una spinta che aiuta il mediatore a trovare un accordo comune. In sua mancanza ogni sforzo è vano, in quanto ci sarà sempre un qualcosa che metterà in pericolo il buon esito dell’affare.

Mi è capitato anche di diventare messaggero di insulti (cosa che ovviamente non ho mai fatto) e poi trovarsi dopo l’atto a fare aperitivi dove venditori e acquirenti sembravano amici di vecchia data. Vi posso garantire che nelle trattative succede veramente di tutto…quindi è importante essere molto esperti in materia.

Consiglio spassionato: se mai vi dovreste trovare nella “brutta” situazione di dover trattare con parenti, trovate un mediatore e fatevi seguire! Non vorrete mica partecipare ad un pranzo di Natale con persone che non vi guardano neanche in faccia. :) La stessa regola vale per gli amici…

Stefano Tronca
Business Manager
Stefanotronca.com

 

The following two tabs change content below.
Ciao, sono Stefano Tronca e sono un Agente Immobiliare. Aiuto gli Imprenditori, mediante la consulenza, a trovare, vendere e locare l’immobile per la propria Azienda. Lo faccio definendo una strategia, creata appositamente per il Cliente.

Leave a Reply